KATMER – IL PANE CHE SI FINGE CROISSANT

La mattina la sveglia suona sempre troppo presto ed ogni volta la tentazione di spegnerla o rinviare il momento di alzarsi è forte. L’idea di assaporare una dolce golosità, però mi aiuta ad iniziare la giornata. La preparazione dei katmer non è proprio veloce ma …che soddisfazione iniziare la mattinata così. Li preparo ogni volta con mix di farine e farciture differenti. Oggi li ho preparati semi integrali e vuoti cosicché ognuno possa farcirli come meglio desidera. Ideali per un’inizio giornata e per uno spuntino salato.

INGREDIENTI (per 8/10 katmer)

350 gr di farina tipo 1

150 gr di farina integrale

250 gr di latte

100 ml di olio di mais

50 gr di lievito madre in polvere

1 albume

1 cucchiaio di zucchero

10 gr di sale

PER LA SFOGLIATURA E LACCATURA

50 gr di burro a temperatura ambiente

1 tuorlo d’uovo

2 cucchiai di latte

PROCEDIMENTO

  1. Inserire tutti gli ingredienti nel boccale della planetaria. Miscelare fino al raggiungimento di una pasta lisca ed omogenea.
  2. Far lievitare coperto in luogo tiepido fino al raddoppio.
  3. Stendere l’impasto in 8/9 dischi di uguale misura che andrete a sovrapporre intervallando con il burro disciolto. Non imburrare l’ultimo disco.
  4. Coprite i dischi sovrapposti con un foglio di carta da forno e con l’aiuto di un mattarello stendete l’impasto fino a formare un grande disco dello spessore di 1 cm circa.
  5. Tagliate dei triangoli.
  6. Farciteli se lo desiderate; altrimenti arrotolate su su se stesso ogni triangolo partendo dall’esterno verso il centro formando così dei croissant.
  7. Disponete i katmer, così formati, su una leccarda foderata con carta da forno e lasciate lievitare fino al raddoppio.
  8. Emulsionate il tuorlo d’uovo con il latte e spennellate i katmer lievitati.
  9. Infornate in forno caldo e cuocete a 180°, forno ventilato, per 20 minuti circa.

2 pensieri riguardo “KATMER – IL PANE CHE SI FINGE CROISSANT

  1. Oggi mi sento tentata da tutto quello che non dovrei mangiare! Questo katmer sono intriganti! E mi piace questa lavorazione lunga ma… In cui lavora soprattutto qualcun’altro: la planetaria e il tempo!
    Che mi dici del nome? Sono di origine tedesca? O di dove? Mi hanno incuriosita tanto! 😋

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...